Dieci capolavori della letteratura italiana / Ten Masterpieces of Italian Literature

untitled1

Dante Alighieri – La Divina Commedia (The Divine Comedy) pubblicato nel 1321

La Commedia, o Divina Commedia, racconta di un viaggio immaginario che Dante stesso compie attraverso inferno, purgatorio e paradiso. Dante si smarrisce in una selva oscura e, dopo una notte di angoscia, riesce a uscirne. Sale per un colle illuminato, ma tre fiere (simboli di tre grandi peccati dell’umanità) gli sbarrano la strada. In aiuto di Dante giunge il poeta Virgilio che gli rivela la strada verso la salvezza. Virgilio sarà la sua guida per l’inferno e il purgatorio, mentre Beatrice guiderà Dante in paradiso. Nell’Inferno si trovano gli spiriti dei peccatori dannati per l’eternità che soffrono il dolore delle punizioni come se avessero ancora il corpo. Nel purgatorio si trovano le anime di coloro che, dopo aver scontato una pena per i loro peccati, potranno andare in paradiso, perché da vivi si sono pentiti. Nel paradiso ci sono, infine, le anime dei beati.

La bocca mi basciò tutto tremante. / Galeotto fu il libro e chi lo scrisse; / quel giorno più non vi leggemmo avante.” – Inferno, canto V.

 

untitled2

Giovanni Boccaccio – Il Decameron (The Decameron) pubblicato nel 1353

Il Decameron è una raccolta di cento novelle ordinate in una cornice narrativa. Durante la peste del 1348 a Firenze dieci giovani, sette ragazze e tre ragazzi, si rifugiano in campagna per sfuggire al contagio. Per trascorrere il tempo, i giovani decidono di raccontarsi ogni giorno una novella ciascuno. Le novelle rispettano il tema che è indicato quotidianamente dal re, uno dei giovani eletto a turno dagli altri. Nell’introduzione a ogni giornata viene descritta la vita dei ragazzi e dopo ciascuna novella troviamo i commenti degli altri. Il titolo dell’opera viene dal greco “decameron” che significa “di dieci giorni”; le novelle, infatti, vengono raccontate per dieci giorni.

Amor può troppo più che né voi né io possiamo.” – Giornata IV, novella I.

untitled11

Niccolò Machiavelli – Il Principe (The Prince) pubblicato nel 1532

Il Principe è un trattato, composto dalla dedica a Lorenzo de’ Medici e da 26 capitoli, che espone le norme necessarie a un sovrano per fondare uno stato e conservarlo. Fra i punti principali troviamo: il principe non deve essere buono, ma la sua azione deve essere finalizzata alla salvezza dello stato; il principe può avere la virtù, cioè può compiere atti giudicati dall’etica negativi, ma che sono positivi nell’ottica politica; il principe deve esser astuto come la volpe, forte come il leone, deve farsi rispettare e deve essere più temuto che amato.

Tutti ti valutano per quello che appari. Pochi comprendono quel che tu sei.

untitled3

Torquato Tasso – Gerusalemme liberata (Jerusalem Delivered) pubblicato nel 1575

La Gerusalemme liberata è un poema in 20 canti nel quale sono narrati gli scontri, realmente accaduti, tra cristiani e musulmani alla fine della Prima Crociata (avvenuta nel 1099). I cristiani, guidati da Goffredo di Buglione, assediano Gerusalemme, difesa dai saraceni del re Aladino. Per impedire la conquista della città, le potenze infernali inviano al campo dei cristiani la bellissima maga Armida che riesce a sedurre e ad allontanare dall’esercito i più valorosi guerrieri fra cui Rinaldo.
Intanto Argante, fortissimo guerriero saraceno, sfida a duello i cristiani, fra cui Tancredi, che rimane ferito. La situazione per i cristiani diventa critica dopo la distruzione della loro torre d’assedio. Solo il ritorno di Rinaldo, prigioniero della maga Armida, porterà alla conquista di Gerusalemme e alla liberazione del Santo Sepolcro.

Ed a voli troppo alti e repentini, sogliono i precipizi esser vicini.

untitled4

Alessandro Manzoni – I Promessi Sposi (The Betrothed) pubblicato nel 1827

Narra la vicenda di Renzo e Lucia, promessi sposi nella Lombardia dei primi del ‘600. I problemi per i due giovani iniziano quando don Rodrigo, un prepotente signorotto, decide per capriccio e per scommessa, di impedire il matrimonio. In seguito al tentativo non riuscito di rapire Lucia da parte di don Rodrigo, i due giovani sono costretti a scappare dal loro paese. Lucia si rifugia in un convento a Monza, mentre Renzo arriva a Milano proprio il giorno di una sommossa popolare. I due ragazzi dovranno sopportare due anni di peripezie e sofferenze prima di potersi finalmente sposare.

Uno dei benefici dell’amicizia è di sapere a chi confidare un segreto.

untitled5

Giovanni Verga – I Malavoglia (The Malavoglia) pubblicato nel 1881

La vicenda si svolge ad Acitrezza, paesino siciliano abitato da pescatori. Protagonista è la famiglia Malavoglia, costituita dal capofamiglia ‘Ntoni, dal figlio Bastianazzo, la moglie di quest’ultimo Maruzza e dai nipoti. ‘Ntoni decide di prendere a credito un carico di lupini da rivendere, ma la barca dei Malavoglia naufraga, Bastianazzo muore e il carico finisce perduto. I Malavoglia si trovano così in disgrazia e ‘Ntoni, per pagare il debito, è costretto a vendere la loro casa. Questo è solo l’inizio dei guai che capiteranno ai Malavoglia le cui vicende si intrecciano poi con quelle degli abitanti del paese.

Chi ha il cuore contento sempre canta.

untitled6

Italo Svevo – La coscienza di Zeno (Zeno’s Conscience) pubblicato nel 1923

Il romanzo si presenta come un diario del protagonista, Zeno Corsini, e nasce come terapia per sconfiggere la sua psicosi. Egli racconta alcuni episodi della sua vita, come affiorano alla sua memoria, senza un ordine preciso; dall’inutile tentativo di smettere di fumare, alla morte del padre, dal matrimonio infelice con Augusta, al tradimento con un’altra donna, alla sua incapacità negli affari. Alla fine Zeno arriverà alla consapevolezza di essere guarito e capirà che la malattia non era soltanto sua, come singolo individuo, ma che essa colpisce tutta la vita a lui contemporanea.

A differenza delle altre malattie la vita è sempre mortale. Non sopporta cure.

untitled7

Luigi Pirandello – Uno, nessuno e centomila (One, No One and One Hundred Thousand) pubblicato nel 1926

Il protagonista, Vitangelo Moscarda, in seguito a una frase della moglie sul naso di lui, che secondo la donna “pende”, scopre di apparire agli occhi degli altri diverso di come lui vede se stesso. Questa rivelazione porta Moscarda a scoprire che non esiste una sola realtà, ma tante realtà diverse a seconda di chi ci guarda. Ogni persona, quindi, crede di essere uno, ma è in realtà centomila e alla fine non è nessuno (come ci dice il titolo). Sconvolto dalla sua scoperta, Moscarda compie una serie di azioni inspiegabili, presentandosi agli altri sotto aspetti sempre diversi. Il risultato è che tutti pensano che sia pazzo e Moscarda finisce ricoverato in un ospizio. Lì finalmente il protagonista potrà liberarsi da ogni maschera.

Notiamo facilmente i difetti altrui e non ci accorgiamo dei nostri.

untitled8

Primo Levi – Se questo è un uomo (If This Is a Man) pubblicato nel 1947

Questo è un romanzo-testimonianza che racconta l’esperienza vera di Primo Levi nei campi di concentramento, dalla cattura nel dicembre 1943 alla fuga dei tedeschi da Auschwitz nel gennaio 1945. Levi descrive tutti gli aspetti della vita nel Lager. Il rituale dell’arrivo, la perdita del nome e dell’identità, sostituite da un numero, e la lotta quotidiana per la sopravvivenza. Fra gli episodi importanti narrati, vi è il superamento dell’esame di chimica, grazie al quale Levi entrerà nel laboratorio della fabbrica di gomma. Con gli occhi di Levi assistiamo anche alla vita dei compagni, dai meno fortunati che muoiono giorno dopo giorno, ai più fortunati, che, come il protagonista, riusciranno a salvarsi.

Accade facilmente, a chi ha perso tutto, di perdere se stesso.

untitled9

Italo Calvino – Il sentiero dei nidi di ragno (The Path to the Nest of Spiders) pubblicato nel 1947

Il romanzo è ambientato nel periodo della seconda Guerra Mondiale. Pin è un ragazzino orfano che vive a Sanremo (Liguria) con la sorella che fa la prostituta. Egli trascorre molto tempo sulla strada e all’osteria, in mezzo agli adulti, finché un giorno gli antifascisti dell’osteria lo minacciano, perché sua sorella lavora con i tedeschi. Per guadagnarsi la loro fiducia, Pin ruba la pistola di un ufficiale di marina tedesco, ma quando torna all’osteria comprende che agli adulti non importa nulla del suo gesto eroico. Pin, allora, decide di nascondere l’arma nel sentiero dove fanno il nido i ragni, un posto magico che solo lui conosce.

Tutti abbiamo una ferita segreta per riscattare la quale combattiamo.

untitled10

Cesare Pavese – La luna e i falò (The Moon and the Bonfires) pubblicato nel 1950

Un trovatello detto Anguilla trascorre l’infanzia sulle colline delle Langhe, presso Cuneo. Di qui parte in cerca di fortuna e s’imbarca per l’America, dove riesce ad accumulare un piccolo patrimonio, ma la nostalgia del paese è forte. Anguilla, ormai quarantenne, dopo vent’anni di assenza, decide così di tornare e cercare tra le cose e le persone del passato la propria identità. Ritrova l’amico Nuto, che non suona più con la sua banda nei paesi, ma è ora un falegname e un serio padre di famiglia. Insieme a Nuto, Anguilla ripercorre i luoghi dell’infanzia e dell’adolescenza in un viaggio nel tempo, scoprendo come tutto sia cambiato.

Un paese ci vuole, non fosse che per il gusto di andarsene via. Un paese vuol dire non essere soli, sapere che nella gente, nelle piante, nella terra, c’è qualcosa di tuo, che anche quando non ci sei resta ad aspettarti.

*****

Dante Alighieri – The Divine Comedy published in 1321

The Comedy, or The Divine Comedy, is about an imaginary journey that Dante himself makes through hell, purgatory and paradise. Dante gets lost in a dark forest and, after an anguishing night, he is able to get out. He climbs an illuminated hill, but three wild beasts (symbols of the three great sins of the mankind) bar his way. The poet Virgil comes to Dante’s aid, and he shows Dante to the way to salvation. Virgil guides him through hell and purgatory, whereas Beatrice guides him through paradise. In hell, there are the spirits of the sinners damned for eternity, who suffer the pain of punishment as if they still have their bodies. In purgatory, there are the souls of those who, after serving a term of imprisonment for their sins, will go to heaven, because they repented in their life. Finally, in heaven, there are, the souls of the blessed.  “Then he at one my lips all trembling kiss’d / the book and writer both were love’s purveyors / in its leaves that day we read no more.” Hell, Canto V.

Giovanni Boccaccio – The Decameron published in 1353

The Decameron is a collection of one hundred short stories arranged in a narrative frame. During the plague in 1348 in Florence ten young people, seven girls and three boys, take refuge in the countryside to escape the contamination. The young decide that each one of them will tell a story every day to kill time. The short stories respect the topic that is decided every day by the king, one of the young elected in turn by the others. In the introduction to each day the life of the young is described and, after each story, we can find the comments of the others. The title comes from the Greek “decameron” which means “ten days”; the short stories, indeed, are told during ten days. “Love can do everything that neither you or I can do.” 4th day, short story 1.

Niccolò Machiavelli – The Prince published in 1532

The Prince is a treatise, written in dedication to Lorenzo de’ Medici with 26 chapters, outlining the rules needed to a sovereign to found a state and maintain it. Among the main points there are: the prince must not be good, but his action should be aimed toward the salvation of the state; the prince can own the virtue, that is, he may perform acts seen in a negative way by ethics, but which are positive in a political perspective; the prince must be as cunning as a fox, as strong as a lion, he must be respected and more feared than loved. “Everyone sees what you appear to be. Few experience what you really are.

Torquato Tasso – Jerusalem Delivered published in 1575

Jerusalem Delivered is a poem of 20 songs that narrate the conflicts between Christians and Muslims at the end of the First Crusade (which took place in 1099). The Christians, led by Godfrey of Bouillon, besiege Jerusalem, defended by the Saracens of King Aladdin. To prevent the capture of the city, the infernal powers send to the Christian field the beautiful sorceress Armida, who manages to seduce and to remove from the army the most valiant warriors including Rinaldo. Meanwhile, Argante, strong Saracen warrior, challenges to a duel the Christians, including Tancredi, who is injured. The situation for the Christians becomes critical after the destruction of their siege tower. Only the return of Rinaldo, prisoner of the sorceress Armida, will lead to the conquest of Jerusalem and to the liberation of the Holy Sepulchre. “If flights are too high and too sudden, ruins are likely to follow.

Alessandro Manzoni – The Betrothed published in 1827

The Betrothed tells the story of Renzo and Lucia, promised bride and groom, in Lombardy during the early 1600. The problems for the two start when Don Rodrigo, an overbearing powerful man, because of a caprice and of a gamble, decides to keep them from marrying. After a failed attempt to kidnap Lucia by Don Rodrigo, the two are forced to flee from their country. Lucia takes refuge in a convent in Monza, while Renzo arrives in Milan during a popular uprising day. The two endure two years of vicissitudes and suffering before they can finally marry. “The benefit of friendship is knowing whom to tell secrets to.

Giovanni Verga – The Malavoglia published in 1881

The story takes place in Acitrezza, a Sicilian village inhabited by fishermen. The protagonists are the Malavoglia family, consisting of the head of the family ‘Ntoni, Bastianazzo, his son, Maruzza, Bastianazzo’s wife and their grandchildren. ‘Ntoni decides to buy a load of lupin beans on credit to sell, but the Malavoglia’s boat is shipwrecked, Bastianazzo dies and the load ends up lost. The Malavoglia are now disgraced and, to pay the debt, ‘Ntoni is forced to sell their house. This is just the beginning of the troubles that befall the Malavoglia, whose stories are intertwined with those of the inhabitants of the village. “A man who has a happy heart can always sing.

Italo Svevo – Zeno’s Conscience published in 1923

The novel is the diary of the main character, Zeno Corsini, and it is born from his therapy to overcome Zeno’s psychosis. He tells some episodes from his life, as they crop up in his memory, in no particular order; his useless attempt to quit smoking, his father’s death, his unhappy marriage with Augusta, his betrayal with another woman, his incapacity in business. At the end Zeno understands he is healed and that the disease was not only his own, as an individual, but it affects his whole contemporary life. “Unlike other sicknesses, life is always fatal. It does not tolerate therapies.

Luigi Pirandello – One, No One and One Hundred Thousand published in 1926

The protagonist, Vitangelo Moscarda, after a sentence said by his wife about his nose which, according to the woman, “hangs”, realizes he appears, in the eyes of the others, different from how he sees himself. This revelation makes Moscarda discover that there is not one single reality, but rather many different realities, depending on who is looking. Each person, therefore, believes he is one, but he is actually one hundred thousand, and in the end he is nobody (as the title says). Shocked by his discovery, Moscarda does a series of unexplained actions, presenting himself to others in different aspects. The result is that everyone thinks he is crazy and Moscarda ends up in hospice. There, the protagonist can finally get rid of all masks. “We easily notice the others’ faults, and we are not aware of our own.

Primo Levi – If This Is a Man published in 1947

This is a testimony-novel which tells us the true experience of Primo Levi in the concentration camps, from his capture in December 1943 until the Germans leave Auschwitz in January 1945. Levi describes all aspects of the life in the camp. The arrival ritual, the loss of one’s name and identity, replaced by a number, and their daily struggle for survival. Amongst the important episodes narrated, there is the chemical examination, thanks to which Levi enters the laboratory of the rubber factory. With Levi’s eyes the reader also witnesses the lives of his companions, from the less fortunate ones who die, to the lucky ones, who, like the protagonist, manage to save. “It happens easily, to those who have lost everything, to lose themselves.

Italo Calvino – The Path to the Nest of Spiders published in 1947

The novel is set during World War II. Pin is an orphan who lives in Sanremo (Liguria) with his sister, who is a prostitute. He spends a lot of time on the road and at the inn, among the adults, until one day the anti-fascists at the inn threaten Pin, because his sister works with the Germans. In order to gain their trust, Pin steals a German naval officer’s gun, but, when he returns to the inn, he realizes that the adults do not care about his heroic act. Then, Pin decides to hide the weapon in the path where the spiders make their nests, a magical place that Pin only knows. “We all have a secret wound which we are fighting to avenge.

Cesare Pavese – The Moon and the Bonfires published in 1950

A foundling, whose name is Anguilla, spends his childhood in the Langhe hills, near Cuneo. He leaves in search of fortune and embarks for America, where he manages to make a small fortune, but the nostalgia of his country is strong. Anguilla, now forty years old, after twenty years of absence, decides to come back and search for things and people from his past. Anguilla finds his friend Nuto, who no longer plays with his band in the country, but who is a carpenter and a serious family man. Along with Nuto, Anguilla retraces the places of his childhood and his adolescence in a journey through time, discovering how everything changed. “That you need a village, if only for the pleasure of leaving it. Your own village means that you’re not alone, that you know there’s something of you in the people and the plants and the soil, that even when you are not there it waits to welcome you.

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s